Fai il figo con i Bitcoin

Si sente tanto (stra)parlare in questi giorni di Bitcoin e criptovalute. Ma cosa sono? La prossima rivoluzione digitale. Ecco una breve, e spero semplice, introduzione al Bitcoin per non addetti ai lavori.

Per chi fosse ancora fermo al 2008, diamo una breve anticipazione: Bitcoin è una moneta digitale o criptovaluta. A differenze delle monete tradizionali Bitcoin non ha un ente centrale che si occupa di creare nuova moneta ed è totalmente scollegata da qualsiasi governo o ente bancario. Nessuno controlla Bitcoin. O meglio il controllo di Bitcoin è demandato alla rete.

Il numero dei Bitcoin è finito. Raggiunti i 21 milioni di Bitcoin non sarà più possibile crearne altri. Nessun ente o governo potrà immetterne sul mercato altri creando svalutazione e controllandone il potere d’acquisto. I Bitcoin vengono generati contestualmente al mining fatto dai nodi. I nodi vengono anche detti miner. PC collegati ad internet che si occupano di validare e registrare le transazione.

Il Bitcoin  (o BTC), nasce e si sviluppa su internet. Creato nel 2009 da un misterioso Satoshi Nakamoto si basa su un complesso sistema distribuito chiamato Blockchain.
La blockchain è un database distribuito che si occupa di tenere traccia di tutte le transazione tra utenti. Una sorta di registro mastro con l’elenco di tutte le transazioni effettuate. Ogni nodo della rete, i miner di prima, detengono una copia del registro. Altro scopo dei nodi è quello di validare e registrare le nuove transazioni. Ogni transazione per andare a buon fine deve prima superare la validazione di almeno 6 nodi. Ovviamente più passa il tempo più saranno i nodi che valideranno la transazione, ma già dai 6 nodi in su la transazione può considerarsi sicura e non potrà più essere modificata o manomessa.
E’ la blockchain stessa che prevede un meccanismo di ricompensa per i miner che curano la convalida e la registrazione delle transazioni. Rendendo di fatto il sistema autarchico.
Come capirete la blockchain è un sistema potentissimo, di natura crittografica, autoreferenziato e senza controlli esterni, che si occupa di far girare tutto in maniera coerente e sicura.



Ma i Bitcoin dove li metto?

Come ogni moneta che si rispetti, anche i Bitcoin vanno conservati in un portafoglio o Wallet. Un wallet è  un indirizzo dove poter ricevere i Bitcoin. Un indirizzo non è altro che una stringa alfanumerica lunga in media 33 caratteri.

 

Esempio di indirizzo Bitcoin
1NAfBQUL4d2N7uu1iKxjwF8dESXTT3AKcq

 

Niente di più facile da conservare e trasmettere.
Questo indirizzo è il risultato di complesse elaborazioni crittografiche che, a partire da una chiave privata, possono generare più indirizzi/wallet.
Gli indirizzi dei wallet sono pubblici a differenza della chiave privata che, per definizione, deve essere segreta e custodita per bene. Solo grazie ad essa potrete disporre dei vostri Bitcoin. Quindi è bene che la conosciate solo voi. Altrimenti chiunque può spostare i tuoi Bitcoin sul proprio conto. Il tutto con un discreto livello di anonimato.
Si perché un’altra delle caratteristiche interessanti dei Bitcoin è quella che garantiscono un alto livello di anonimato. Non sono del tutto anonimi come spesso si legge (erroneamente) in rete. Ti permettono di avere un livello di anonimato tale da garantire la tua privacy, ma non abbastanza da garantirti di passarla liscia se ti improvvisi narcos. Ovviamente non sto a dire che risalire all’identità del titolare di un wallet sia facile, sto solo dicendo che tecnicamente è possibile.

Ma qual’è la comodità di una criptovaluta?

La comodità principale è quella di non dipendere da nessun ente o banca centrale. Di poter effettuare una transazione senza che vi debba essere un terzo intermediario. È la rete stessa a fare da garante. Altro aspetto interessante è che nessun governo puo sequestrare o bloccare i vostri conti.

Questa è solo un’introduzione che spero ti sia servita a capire meglio cosa sono i Bitcoin e quali sono i possibili scenari che, soprattutto grazie alla blockchain, ci aspettano in futuro.

In un prossimo articolo spiegherò in maniera più pratica come creare il proprio Wallet e acquistare dei Bitcoin.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ti è piaciuto questo o uno degli altri articoli? Puoi contribuire alla crescita del blog inviando un contributo in:

Bitcoin: 15PdPw4pTYadBKH4b1Fg7eRRR4QE9KWUhe
Ethereum: 0xc98c23fd3a612befedfe2b63d1560fe18a1f4829
Litecoin: LdFNmSeMmdPmbfRF4Axq3QEF13wjyN9wsU

Lascia un commento